Sfondo didattico

Premesse teoriche: Si può partire dal presupposto che le collocazioni possano essere imparate e memorizzate più facilmente tramite una mediazione aggiuntiva e figurativa,  quindi non esclusivamente "astratta". Per questo motivo verranno utilizzate diverse illustrazioni per visualizzare la concettualizzazione di alcuni esempi tratti dal nostro vocabolario.

Quali collocazioni sono adatte per la rappresentazione figurativa? Non tutte le collocazioni sono idonee alla realizzazione di disegni, bensì solo quelle in cui il collocatore ha più significati (ed è quindi polisemico) e in cui ha subito un processo di meta­forizzazione (rispetto al suo significato di partenza). L'immagine che ne sta dietro deve essere ancora rintracciabile e possibile da disegnare, come nell'esempio di il dente balla.

Come nascono le immagini? Le immagini che raffigurano la concettualizzazione delle collocazioni italiane prescelte vengono/sono state create da alunni in occasione di eventi pubblici e cooperazioni con diverse scuole.

Numero delle immagini disegnate sinora: Sino ad oggi sono stati disegnati più di 1000 disegni in tutto dagli alunni tirolesi:

  • Aktionstag Junge Uni  (= l'Università giovane), Novembre 2009: 157 disegni
  • Lange Nacht der Forschung (= La Lunga Notte della Ricerca), Novembre 2009: 71 disegni
  • Aktionstag Junge Uni (= l'Università giovane), Novembre 2010: 209 disegni (incl. disegni raffiguranti fraseologismi di altre lingue)
  • Scuola elementare "Volksschule Innere Stadt", Ottobre 2011: 12 disegni
  • Aktionstage Junge Uni (= l'Università giovane), Novembre 2011, giornata dedicata agli alunni: 199 disegni
  • Aktionstage Junge Uni (= l'Università giovane), Novembre 2011, giornata dedicata alle famiglie: 59 disegni
  • Scuola media "Neue Mittelschule Königsweg Reutte", Dicembre 2011 (gruppo d'italiano e gruppo creativo): 48 disegni
  • Scuola elementare "Volksschule Innere Stadt", Febbraio 2012: 15 disegni
  • Scuola media "Neue Mittelschule Dr. Fritz Prior", Marzo 2012: 7 disegni
  • Tiroler Nacht der Forschung, Bildung und Innovation (= Notte Tirolese della Ricerca, Istruzione e Innovazione), Aprile 2012: 45 disegni
  • Istituto tecnico commerciale "HLW Reutte":  24 disegni
  • Scuola media "Neue Mittelschule Königsweg Reutte", Giugno 2012 (gruppo d'italiano e gruppo creativo):  24 disegni
  • Liceo "Bundesrealgymnasium Adolf-Pichler-Platz", Gennaio 2013: 26 disegni
  • Scuola media "Neue Mittelschule Stams-Rietz", Aprile 2013: 47 disegni
  • Aktionstage Junge Uni (= l'Università giovane), Novembre 2013, giornata dedicata agli alunni: 109 disegni
  • Aktionstage Junge Uni (= l'Università giovane), Novembre 2013, giornata dedicata alle famiglie: 29 disegni

Metodo: Nella creazione delle immagini si parte dal significato letterale del collocatore che nella collocazione assume invece un altro significato. Vengono inclusi entrambi i significati nel disegno. Uno degli esempi più amati finora dagli alunni è il "dente che balla (= che dondola)", ma anche il chiodo che viene "piantato" nel muro; oppure la radio che viene "accesa" - combinazione che, partendo dal significato primario di "accendere" (= ‘infiammare'), potrebbe essere percepito da parlanti non nativi anche nel senso sbagliato di ‘infiammare la radio'.

Creazione produttiva d'immagini durante il processo di apprendimento: Nell'ambito delle cooperazioni con le scuole, le immagini vengono create produttivamente e attivamente dagli alunni, il che permette, secondo la nostra esperienza, di raggiungere un ottimo risultato nell'apprendimento e di aiutare anche a stimolare interesse e motiva­zione da parte degli alunni.

Impiego ricettivo delle illustrationi nel vocabolario: Nell'integrare i disegni nel nostro vocabolario, si ricorrerà invece ad anteporli "ricettivamente" con lo scopo di facilitare l'apprendimento e la memorizzazione degli apprendenti (naturalmente però gli apprendenti possono anche, se vogliono, creare degli altri disegni sul modello di quelli proposti ed eventualmente anche sotto la guida di un insegnante). Il risultato finale consiste, sia nella creazione attiva che nel processo di ricezione, nel "vedere" l'immagine che sta dietro a una collocazione: per prima cosa si vede l'immagine concreta, e di seguito l'immagine viene incamerata nella memoria, ovvero l'apprendente "vede" l'immagine (anche) mentalmente davanti a sé e la collocazione viene associata alla relativa immagine.

Combinazioni di parole italiane e tedesche a confronto. Un progetto di ricerca.